giovedì 12 gennaio 2012

i blog perduti

.... C'è un opzione in blogger che non avevo mai usato, sconosciuta ai più è un vero tesoro segreto.... il tasto "blog successivo".... spesso quando ho un po di tempo mi avventuro in questo mondo di sorprese, spesso noiose, spesso divertenti...spesso tristi. Quando clicchi il tasto, blogger ti manda ad un blog successivo, senza ordine, senza un senso, forse proprio a caso... come una strana lotteria non sai che ti capiterà...che blog incontrerai... quale storia potrai osservare. Già dal titolo del blog naturalmente sai di cosa tratterà, e piano piano le immagini si alterneranno, foto bellissime, foto normali, foto veramente brutte.... persone prolisse ti raccontaranno la loro giornata, altre più schive titoleranno solo le immagini, ci sono blog politici, blog di tendenza, blog-diari, blog sportivi....e blog come i nostri, pieni di creazioni, cucito, crocette, kilometri di lana, filo, nastri e merletti.... colori, sfumature, emozioni.... tutto li per noi, un po curiose un po invadenti.... C'è chi cucina, chi scrive, chi cuce  e chi si arrabbia, chi cerca di essere di tendenza e chi ti sprona a riciclare, pregare, tradire e votare, un popolo enorme, un popolo spesso richiuso in contee.... la contea dei cuochi, quella delle sarte, quella delle ricamine eccetera eccetera....
Arrivo al punto che secondo me è triste, mi lascia un po malinconica e mi fa pensare; il blog spezzato..... il blog polveroso e dimenticato, il blog abbandonato. Che tristezza trovarli, è come arrivare tardi... come non fare in tempo e non trovare più nessuno. Rimangono post che sembrano allegri, normali nella loro irrealtà; << domani vi mostro il mio ultimo ricamo terminato, la mia torta di domenica, il regalo che fotograferò stasera...." >> e poi leggi la data, l'ultima data, 10 gennaio 2006, 16 novembre 2009......18 giugno 2008
E ti rendi conto che potrai andare avanti per la tua vita senza vedere l'ultimo ricamo finito, ti domandi perchè il giorno dopo non è stato pubblicata nessuna torta.... e mi rende triste. So quanto un blog possa prenderti la mano, so che quando non posto per qualche giorno non vedo l'ora di aggiornare questa sorta di diario, e mi dispiace che chi ha lasciato il lavoro incompleto non possa sapere che qualcuno è tornato a vedere, a spiare, ad accertarsi che vada tutto bene, che lascia commenti chiedendo spiegazioni, rassicurazioni.... insomma che anche virtualmente a qualcuno manchi. E rimani lì... inebetita....scorro i post precedenti nella ricerca di un indizio, di una spiegazione.... ma sembra tutto così perfetto...
Il blog spezzato è "strano", se mi passate il termine, è sospeso, irreale, dolce ma spettrale..... sembra che sia una sorta di casa stregata dove il tempo si sia fermato...in attesa
Dove sono andate le persone che lo accudivano? Cosa le ha spinte a interrompere così precipitosamente una cosa a cui tenevano? Nel buio di una notte quali incubi l'hanno così rapita da non salutare, spiegare, lasciare o almeno cancellare?
"Blog in ferie" sarebbe più solare, immaginerei che sia scappata, o rimasta intrigata da un posto esotico e non abbia fatto ritorno...la immaginerei sotto una palma con magari un lavoro su una spiaggia sempre assolata e un amore nuovo da vivere....
ma così no... un blog spezzato mi lascia solo tanta tristezza...

18 commenti:

  1. Anche a me fa un'infinita tristezza. Ho conosciuto, in 4 anni, tantissime amiche creative che improvvisamente sono scomparse, che hanno lasciato delle cose in sospeso senza dire la motivazione (Melaguendy, Dolcericamina, Lucy84, Popopazia, La Giostra, Cuhoxn, Celestial, Annacrocettina, Pattylallo, Rumpampero, Yuecreamy, Sarounasaetta, ecc).
    E quel che è peggio, è che io ho lavorato per 4 anni sulla piattaforma Splinder, che ora sta chiudendo senza lasciarci detto (a noi milioni di blogger) il perchè di questa scelta ed il modo di migrare il blog su un'altra piattaforma. Ebbene, tutto questo mi ha fatto aprire gli occhi, mi sono resa conto di quanto tempo ho buttato via in questo schifoso mondo virtuale e che avrei potuto invece dedicare alla mia famiglia ed ai miei cari e, perchè no, di più anche ai miei hobbies creativi. Mi sono resa conto di aver perso un sacco di tempo al giorno per studiare le migliorie da dare al mio blog, per renderlo perfetto e funzionale. E tutto d'un colpo, puff, non c'è più! Se ci penso mi viene da urlare, ma adesso basta, volto pagina ed inizio una nuova vita, con il computer chiuso! Ciao, Serena.

    RispondiElimina
  2. si è vero, ti lasciaano un'infinita tristezza e una domanda che non avrà mai risposta!

    RispondiElimina
  3. @anonimo; perchè non mi scrivi in privato? dovrei avere il modo per migrare il tuo blog da splinder a blogger.... è un peccato lasciare. ciao

    RispondiElimina
  4. Mi è piaciuto molto questo post, e mi ha fatto riflettere. Il mio immagino che sia uno dei blog abbandonati... però non è abbandonato perché mi sia successo qualcosa di brutto, ma perché mi mancava il tempo di gestirlo e perché l'entusiasmo iniziale si stava perdendo... magari la persona che doveva postare la torta invece di fotografarla ha scelto di mangiarsela con qualcuno. Noi non lo sapremo mai, ma lei probabilmente è più felice così.

    RispondiElimina
  5. @lucertolarosa; i motivi sono tanti e sono sicura che sia come dici tu, non voglio pensare che sia successo qualcosa di brutto necessariamente...solo che è triste vedere questi blog "spezzati", incompleti..... statici e in attesa. Io voglio immaginare queste blogger in vacanza, lunga e felice... piene di idee da scrivere quando torneranno,sazie di torte mangiate con chi amano, colme di foto e nuovo entusiasmo ^__^ un bacio

    RispondiElimina
  6. Interessante la tua riflessione, sono arrivata qui tramite Annarita, anche a me i blog spezzati mi fanno tanta tristezza!
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Dopo aver letto questo post (che anch'io ho trovato grazie ad Annarita), non ho potuto lasciare il mio povero blog così com'era:
    http://lucertolarosa.blogspot.com/2012/01/i-blog-abbandonati.html
    ^_^

    RispondiElimina
  8. Anche a me, capita di scorrere così qualche blog...
    In effetti quelli che trovo io, sono blog piuttosto assurdi, di persone che non sembrano esserci con la testa, o blog naturalistici...
    Un bacio,My lucky.

    RispondiElimina
  9. ... anche il mio blog è un po' assonnato! Sarà uno dei miei buoni propositi per quest'anno!
    Grazie... un post davvero particolare!

    RispondiElimina
  10. ...ma ha pubblicato il mio commento appena scritto...boh...si è chiuso tutto all'improvviso...vabbeh...lo riscrivo...dicevo che con questo post, Barbara, hai fatto fare outing a diverse blogger e che hai ragione a dire che è triste trovare blog abbandonati. E' successo anche a me di imbattermi in questi blog fantasma e di chiedermi come mai fossero stati abbandonati, spesso dalla sera alla mattina, senza spiegazioni...

    Un bacio!

    Emanuela

    P.S. il mio ultimo post è del 29 dicembre, ma non ho abbandonato il mio blog! Stavo giusto meditando di postare oggi o domani, ma sono pigra a scaricare le foto!

    RispondiElimina
  11. Mea culpa!!! Purtroppo sono una di quelle che hanno lasciato il blog "spezzato" non una.......ma tante volte!!!! e sempre senza alcuna ragione!!! Penso si tratti soprattutto di pigrizia, perchè durante la mia assenza ho continuato quotidianamente a navigare, curiosare tra i blog altrui, ma sempre (lo so, è da vere ingrate) senza lasciare alcun segno del mio passaggio.......
    ma quasi presagissi la tua ramanzina ho ricominciato a pubblicare con l'inizio del nuovo anno e spero di continuare più a lungo possibile.
    PS: come vedi ho ricominciato anche a lasciare commenti......so quanto fanno piacere!!!
    Complimenti per tutto.
    Philo

    RispondiElimina
  12. che strano... sono solo due anni che ho il blog ma da almeno 4-5 anni navigo e nel corso del tempo ne ho visti crescere ma anche come dici tu spezzare e credevo di essere l'unica a porsi tali domande....ma poi pensi che la vita reale ti travolge e nn è facile seguire tutto.glo

    RispondiElimina
  13. Ciao ,è vero anch'io ho conosciuto delle amiche di alcuni blog che poi improvvisamente sono scomparse, sara' complice la noia abbinata alla mancanza di tempo chi lo sa!!!!Complimenti per i tuoi lavori un bacio Angela

    RispondiElimina
  14. Sì è vero a volte capita di imbattersi in blog dimenticati e rimasti li in sospeso e anche a noi non piace per niente. Forse è davvero solo la pigrizia che ferma molti ad andare avanti, ma a noi piace pensare che qualche progetto importante assorba tutto il loro tempo e che sono felici anche così!!!
    Un bacione
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  15. Carissima Barbara, sono Romina e quest'anno, a Natale, ho avuto il piacere di ricevere una sua creazione in regalo da una carissima amica. Devo dire che sono rimasta entusiasta e ho pensato che sarebbe fantastico fare i miei regali di Pasqua con qualcosa creato da lei. L'handmade è una piacevole novità e quello che ho visto nel suo blog una certezza di qualità, veramente testata con mano. Come posso fare per avere prezzi e poterle chiedere con calma quello che mi occorrerebbe? La ringrazio e le faccio tantissimi complimenti per la bellezza dei suoi oggetti.
    Romina

    RispondiElimina
  16. Grazie Romina, sono proprio contenta che tu sia rimasta così entusiasta della mia creazione che hai ricevuto ( poi mi dici quale ^__^)
    Per contattarmi puoi mandarmi una mail a barbara.70.m@gmail.com
    sarò molto felice di creare i tuoi regali di Pasqua. Un bacio

    RispondiElimina
  17. A me è successa una cosa che non dimenticherò: capitata non so come sul blog di una giovane creativa francese, come facevo quando avevo più tempo inizio a leggerne titti i post in ordine cronologico.
    Poi, non moltissimo tempo prima di quando io leggevo, l'ultimo: lavori in corso, progetti, solarità ed amore per il suo bimbo piccolo.
    Ma oltre 200 commenti.
    Incuriosita vado a leggere, e capisco.
    La giovane blogger se ne era andata.
    Faticosamente, passando dall'una all'altra delle blogger che lasciavano commenti, lacrime, messaggi di forza per il marito, scopro che il giorno dopo l'ultimo post, un incidente.
    Con lei in auto il bimbo di nemmeno due anni, illeso sul seggiolino posteriore.
    Mi ha fatto un'impressione tremenda, avrei voluto farci sopra un post, ma ero assolutamente annichilita, per un pò me ne son fatta una fissazione, un momento ci siamo, scriviamo, postiamo, esserci sul web è un esserci 'dilatato' rispetto all'esserci nella vita reale, ed il momento dopo, il vuoto, 200 commenti e poi più niente.
    Lo so che ho soperto l'acqua calda, ma mi fece un'atroce impressione.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...